Home » Arte & Cultura » Antonio Canova vola negli Stati Uniti

Antonio Canova vola negli Stati Uniti

Mostra di Canova alla Frick Collection di New York
Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail
Elena Donazzan

Elena Donazzan

«Sapere che tra breve anche New York ospiterà una mostra dedicata a Canova, un grande veneto, il più importante scultore neoclassico, la cui opera ha contribuito a impreziosire e diffondere l’arte italiana nel mondo, riempie di orgoglio e di soddisfazione….[…] iniziative come questa  hanno il pregio di favorire un livello superiore di cultura, ma anche di creare relazioni capaci di promuovere flussi turistici di qualità verso i nostri territori. Un turismo per il quale stiamo lavorando anche in termini formativi, per preparare al meglio quanti operano nella vasta filiera dell’accoglienza», così ha dichiarato  Elena Donazzan – Assessore all’istruzione e alla formazione della Regione del Veneto. Antonio Canova (1757 -1822)  nato a Possagno in provincia di Vicenza, dopo  l’apprendistato a Venezia nella bottega del maestro Simeone Meoni, si trasferì a Roma , città che divenne per lui un punto di riferimento importante. Ebbe numerosi committenti tra questi : gli Asburgo, la corte pontificia, Napoleone, oltre che numerosi esponenti della nobiltà veneta e romana. Tra i suoi capolavori più famosi sono da ricordare: Le tre Grazie, Amore e Psiche, il monumento funerario a Maria Cristina d’Austria e Paolina Borghese. La sua fama fu tale, tant’è che venne soprannominato  “ il nuovo Fidia”.

 

La mostra  di Canova che verrà inaugurata a New York il prossimo 21 maggio  rappresenta una grande occasione per  conoscere  l’arte del grande maestro italiano, ma anche, come asserito da Donazzan :« I luoghi del Canova come la Gypsotheca e il Museo di Possagno splendidamente curati dal direttore Mario Guderzo, sono già oggi un forte elemento di attrattività turistica e rappresentano una delle eccellenze della  Pedemontana, un’area che ha molto da offrire dal punto di vista non solo culturale, ma anche ambientale e delle produzioni di pregio: un territorio dalla vocazione turistica certa ma ancora con grandi margini di crescita».

Dopo la sua permanenza alla Frick Collection di New York a Manhattan nei pressi di Central Park, la mostra sarà ospitata dalla Gypsotheca e Museo Antonio Canova di Possagno a partire dall’11 novembre 2018.

La mostra di Canova che verrà inaugurata a New York il prossimo 21 maggio rappresenta una grande occasione per conoscere l’arte del grande maestro italiano, ma anche, come asserito da Donazzan :« I luoghi del Canova come la Gypsotheca e il Museo di Possagno splendidamente curati dal direttore Mario Guderzo, sono già oggi un forte elemento di attrattività turistica e rappresentano una delle eccellenze della Pedemontana, un’area che ha molto da offrire dal punto di vista non solo culturale, ma anche ambientale e delle produzioni di pregio: un territorio dalla vocazione turistica certa ma ancora con grandi margini di crescita».

Dopo la sua permanenza alla Frick Collection di New York a Manhattan nei pressi di Central Park, la mostra sarà ospitata dalla Gypsotheca e Museo Antonio Canova di Possagno a partire dall’11 novembre 2018.

di Daniela Paties Montagner

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Commenti