Home » Arte & Cultura, Intervista » Val di Sole: Intervista al Sindaco di Caldes Antonio Maini

Val di Sole: Intervista al Sindaco di Caldes Antonio Maini

Arcadia Musica e Sapori 2017
Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail
antonio-maini-sindaco-di-caldes

Il Sindaco di Caldes Antonio Maini

Buongiorno Signor Antonio Maini, cosa significa essere Sindaco di Caldes,  un borgo fiabesco e medievale  cosi’ bello, affascinate e ricco di storia ?

Significa partire dalla consapevolezza di un passato importante, che ha fatto di Caldes un luogo con una storia ed un’architettura verso quali abbiamo la responsabilità di valorizzazione. Per questo, abbiamo pubblicato recentemente un libro: “Caldes, storia di una nobile comunità” e, grazie alla Provincia Autonoma di Trento, abbiamo Castel Caldes aperto al pubblico ed in avanzata fase di restauro.

La manifestazione Arcadia Musica e sapori , che si è svolta l’ultimo week end di giugno 2017 fa parte di quegli eventi dedicati all’estate e legati alla tradizione. Come nasce l’idea di Arcadia? C’e’ qualche attinenza con la storica regione dell’antica Grecia?   Nella  letteratura  l’Arcadia ha sempre rappresentato una terra idealizzata, dove uomini e natura vivono in perfetta armonia. Questo concetto ha ispirato poeti come Virgilio, ed è stato ripreso successivamente anche nel Rinascimento da Jacopo Sannazaro ed in tempi più moderni da poeti come John Keats, che hanno descritto  e idealizzato l’Arcadia come una terra mitica.  Me ne vuole parlare?

Arcadia nasce dall’idea di ricreare un luogo reale  dove l’ambientazione ed il contesto potessero proporre una dimensione di incontro tra persone che, nel clima disteso e festoso di un antico borgo in musica, avessero la possibilità di apprezzare i prodotti del territorio. Il riferimento storico e letterario riassume quelle sensazioni che vogliamo far provare a chi il luogo lo abita e a chi lo viene a scoprire da turista.

A proposito di suggestioni storiche, il castello di Caldes ospita sino al 22 ottobre 2017 una mostra intitolata : “Antichi erbari della Biblioteca di Trento” e rivolta alla cultura botanica dal Medioevo in poi, con l’esposizione volumi rari dal XV al XVIII secolo. Cosa mi dice al riguardo?

E’ una mostra che l’Amministrazione comunale ha fortemente sostenuto proprio per il tema delle erbe che, oltre a caratterizzare i due giorni di Arcadia, diventa stimolo ad un recupero di antiche conoscenze. E’ infatti un interessantissimo patrimonio di conoscenze quello che coinvolge sia i saperi degli speziali che scrivevano indicazioni di cura, si di chi, più diffusamente, usavano le erbe in cucina o per i rimedi ai piccoli malanni.  La val di Sole, ricca di erbe spontanee di montagna, diventa quindi un luogo ideale per riscoprire una risorsa naturale valorizzandola nei diversi usi quali i piatti della cucina tipica, le tisane, la cosmesi..

Questo antico maniero di Caldes è legato anche alla leggenda dello sfortunato amore tra la nobile Olinda e un menestrello di corte. Ne possiamo parlare?

E’ la storia di un amore sfortunato, ma allo stesso tempo tenace e coraggioso. Un amore mai sconfitto ed una passione che arriva oltre la morte.  Olinda vieni rinchiusa dal padre nella stanza che a Castel Caldes le fa da prigione poiché non vuole prendere in sposo colui che la famiglia le ha predestinato. E’ infatti innamorata di Arunte, menestrello di corte, che la corrisponde, ma proprio per questo verrà ucciso in uno scatto d’ira dal padre di lei Rodemondo. Olinda si lascerà morire nella sua prigione lasciando sulle mura i segni di un amore passionale che ancora oggi sono visibili al visitatore.

Arcadia 2017, è giunta quest’anno alla sua dodicesima edizione. Qual’e’  la chiave del successo di questa manifestazione?

Una ricetta con i giusti ingredienti: la festosità ed allegria creata dalle bande, la possibilità di degustazione delle specialità tradizionali della gastronomia, un borgo che regala scorci affascinanti, una comunità di persone che si apre all’ospitalità e il calendario che indica l’inizio dell’estate!

La grande novità di questa edizione  è stato  il treno inaugurale Arcadia 2017, con assaggi di prodotti tipici e vini DOC trentini a cura della Strada della Mela e dei Sapori. Se non erro questo treno fa parte della linea Male’-Mezzana, si tratta di un treno a mobilità sostenibile  che risale al 1909. Com’è la fruizione di questo mezzo anche dopo Arcadia? 

Un mezzo che collega le valli di Sole e di Non con il capoluogo della Provincia, Trento. Utilizzato da studenti e pendolari, il treno assume sempre più la funzione di trasporto anche per turisti che possono raggiungere le località di vacanza sia invernale, con il collegamento agli impianti di risalita, sia estive con la possibilità di raggiungere facilmente mete come ad esempio proprio Castel Caldes.

In occasione di questa manifestazione sono state coinvolte le migliori bande musicali del Trentino e d’Italia che si sono esibite in vari punti storici del paese, anche in quelli normalmente chiusi al pubblico. Me ne puo’ menzionare alcune? Come nasce quest’idea della bande musicali?

Si tratta di corpi bandistici e gruppi strumentali che provengono dalla Valle di Sole, dal Trentino dall’Italia e dall’estero. L’idea nasce dalle sensazioni che la musica riesce a trasmettere, con gruppi che sanno intrattenere e offrire spettacolo. Arcadia inoltre si chiude tradizionalmente con un concertino a cui partecipano tutte le bande: nell’anfiteatro naturale delle ‘Contre’ (località adiacente a Caldes) tutti i gruppi si esibiscono insieme. Uno spettacolo musicale, in uno spettacolo naturale!

Arcadia non è solo cultura e musica è anche gastrononia ed antichi sapori, come, solo per fare alcuni esempio, il Casolèt Presidio Slow Food della Val di Sole, la Birra Artigianale locale, le numerose varietà di miele .. Ne vogliamo parlare?

Arcadia offre la possibilità di conoscere e degustare le eccellenze del nostro territorio che si presenta con formaggi di montagna, salumi, mele e picocli frutti, miele, erbe spontanee ed il famosissimo e gustosissimo ‘tortel de patate’ (frittella di patate e farina tipico della tradizione contadina).  In particolare il Casolét, formaggio a latte crudo, è riconosciuto come Presidio Slow Food per le sue caratteristiche di produzione, ma l’arte casearia solandra propone eccellenti prodotti quali i formaggi e il burro di malga, oltre ai vari formaggi dei nostri caseifici. Proprio a Castel Caldes il prossimo 4 settembre si terrà la terza edizione dell’Asta dei Formaggi di Malga, all’interno dell’evento Sapori di Malga: una vetrina in cui scoprire un mondo, quello delle malghe, che ha  affascinanti storie da raccontare.

Le birre artigianali sono poi un interessante prodotto, sempre più diffuso, che ha raggiunto livelli di qualità altissimi grazie ai birrifici che anche in trentino e in Val di Sole sono cresciuti negli ultimi anni.

Grazie mille Signor Sindaco per il tempo che mi ha dedicato. Caldes è un borgo davvero interessante e trovo giusto che vengano portate avanti le tradizioni sia culturali, che  folcloristiche  ed anche in ambito eno-gastronomico di questa realtà, tradizioni queste che sono poi parte della nostra Cultura e della nostra Storia.

 

Intervista di Daniela Paties Montagner ad Antonio Maini, Sindaco di Caldes , Val di Sole, Caldes 8 luglio 2017

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Commenti