sei in » Sport

Ci vediamo al mare fenomeni !

Messi e Ronaldo out dal Mondiale già agli ottavi dopo processi mediatici senza precedenti
Ci vediamo al mare fenomeni ! 5
Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Ci vediamo al mare fenomeni !

I primi verdetti del Mondiale 2018 sono senza pietà.

Argentina e Portogallo out, ovvero Messi e Cristiano Ronaldo eliminati.

I grandi protagonisti, secondo i media internazionali, già fuori al primo step della fase finale del torneo.

Chili di carta, ore di trasmissioni, dedicate ai due migliori calciatori al mondo. Ma siamo ancora convinti di questo?

I fenomeni indiscussi, a secco di reti in una fase finale del Mondiale, hanno rubato la scena a chiunque, riportando a casa o più precisamente in spiaggia, un amaro KO agli ottavi di finale.

Ronaldo-Messi, Messi-Ronaldo, chi è il migliore? Messi-Maradona si possono paragonare? Lo sfottò della capretta di CR7 era indirizzato alla Pulga?  Quesiti interminabili senza guardare le altre vere realtà di questo torneo.

Dal 19enne Kylian Mbappè, che ha trascinato con una doppietta l’intera nazionale francese al successo per 4-3 contro l’Argentina, fino al brutto, sporco e cattivo Uruguay, 1 solo gol subito e un attacco cinico e impeccabile rappresentato da Cavani e Suarèz. Entrambi si compensano. Ieri Cavani, la prossima Suarez e intanto la celeste va avanti senza paura.

Argentina, 32 anni senza la Coppa del Mondo

L'immagine può contenere: 1 persona, primo piano

L’albiceleste lascia tutto in questo Mondiale. Messi, Mascherano, Aguero e Higuain diranno addio alla loro nazionale di appartenenza per motivi puramente anagrafici.

Trentadue anni fa l’ultimo successo memorabile proprio tra le mura amiche.

Toccherà a Dybala e Icardi ricostruire le fondamenta. Sicuramente le responsabilità di questo flop non sono soltanto del numero 10 blaugrana. Jorge Sampaoli ha fatto di tutto per farsi odiare, lasciando ieri in panchina le carte migliori da giocare. E poi il peggior allenatore del mondo era il nostro Giampiero Ventura. Bisogna rivalutare qualcosina a riguardo.

Portogallo, Ronaldo e niente più

Risultati immagini per cristiano ronaldo

Il momento migliore di C.Ronaldo in Uruguay-Portogallo 2-1 (ph Gazzetta TV)

La nazionale portoghese si è affermata negli anni grazie alla presenza dell’uomo copertina Cristiano Ronaldo. Ma senza il pluri-Pallone d’Oro, come sarebbe questa selezione? Tra ormai ex stelle ancora presenti sul campo come Quaresma a un difensore arrugginito come Pepe, la scarsa personalità di Joao Mario, i talenti inesplosi di Bernando e Andrè Silva. A differenza degli argentini, il successo più recente risale all’Europeo 2016. L’unico in bacheca.

Cristiano Ronaldo potrebbe ancora disputare un altro mondiale, ma nel 2022, il classe 85 avrà ben 35 anni. Chi lo affiancherà? Ad oggi c’è davvero poco.

Mbappe sapore di Henry

Risultati immagini per mbappe henry

La corsa di 36 km/h che ha mandato in tilt la retroguardia dell’Argentina, l’estro e la concretezza. Kylian Mbappe incarna a tutti gli effetti le orme di Thierry Henry. Un paragone che si può fare visto la giovanissima età. L’ex bandiera francese dell’Arsenal, lasciò il segno già da subito nei blues. Fu convocato a sorpresa nel mondiale del 1998 e a soli 20 anni divenne il primo marcatore della Francia campione del mondo, affermandosi Chevalier.
Sulla stessa strada Kylian. Doppietta con l’Argentina ancora da U20. Record realizzato in precedenza da un certo Pelè.

Certamente Mbappe deve portare questa Francia al successo per potersi eleggere una volta per tutte erede naturale dell’indimenticabile Henry.

Neymar prossima vittima o eroe di Russia?

Risultati immagini per neymar

Fatte fuori le prime vittime illustri, Germania, Argentina e Portogallo, i riflettori si spostano su un’altra delle stelle mediatiche di Russia.

Neymar, seppur con pressione più moderata, sarà messo inevitabilmente sul patibolo dei promossi o bocciati. Per ora il giudizio si aggira sull’ampia sufficienza, ma il talento del Psg dovrà dimostrare di essere la certezza dei verde oro dopo la clamorosa disfatta di quattro anni fa. In quel tragico 7-1 con i tedeschi, O’Ney non c’era. Conquistare la finale è il minimo indispensabile per non lasciare deluso il popolo brasiliano, anch’esso da troppo tempo senza il traguardo più ambito. Alla finestra c’è la Spagna, tra le più quotate nella finalissima di Mosca.

Articolo di Alberto Fuschi 

Risultati immagini per instagram Risultati immagini per twitterRisultati immagini per facebook


editrice-italia-semplice
2018-06-15T15:27:13+00:00
Editrice_It_Sem_2018
2018-06-18T14:53:21+00:00
banner-gallintermediazioni
2018-06-20T09:29:40+00:00