Douma, Amsi e Co-mai: no ad un’altro Iraq, sì ad un’ azione dell’ Onu

Foad Aodi: "Ad oggi più di 200 morti e più di 1100 feriti a Douma , con gravi rischi di epidemie tra la popolazione"
800px-duraeuropos-palmyragate
Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail
Il presidente delle Comunità del Mondo Arabo in Italia(Co-mai) e dell’Associazione Medici di origine Straniera in Italia(Amsi), prof. Foad Aodi , esprime grande preoccupazione per la situazione che si sta delineando in Siria , ribadendo il “no” ad un eventuale intervento armato degli Stati Uniti e della Francia. “Per porre fine alla crisi siriana “- continua Aodi – “e’ necessario intraprendere una forte iniziativa diplomatica che eviti l’uso della forza . E dopo gli oltre 200 morti e i 1.100 feriti che ci sono stati a Douma – come ci aggiornano di continuo i 2 medici locali, che lavorano in modo disperato e senza nessun aiuto e sostegno morale – auspichiamo la creazione d’ un canale straordinario, sanitario e umanitario, in favore della popolazione . Ci appelliamo alle Nazioni Unite ,affinché vengano assunte  iniziative diplomatiche e di verifica sull’uso di armi chimiche e  sulle dichiarazioni della Francia riguardo alle prove dell’uso di queste armi; e all’appello di Papà Francesco, che ha sempre chiesto di risolvere il conflitto siriano in modo pacifico , dandoci la forza di andare avanti e di credere ancora nella solidarietà  ,nel dialogo  e nella democrazia “.
800px-duraeuropos-palmyragate
Fabrizio Federici



editrice-italia-semplice
2018-06-15T15:27:13+00:00
Editrice_It_Sem_2018
2018-06-18T14:53:21+00:00
banner-gallintermediazioni
2018-06-20T09:29:40+00:00