Home » SCRITTI&RISCRITTI » Gallery di Emilia Capasso

Gallery di Emilia Capasso

La protagonista è Axel Rose, 15 anni, timida, riservata, ma allo stesso tempo profonda e sensibile, che si dovrà fare i conti con la malvagità di alcuni suoi coetanei.
Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Se vi chiedessi chi di voi ha voglia di rivivere i suoi anni da teenager, quanti di voi risponderebbero in modo positivo? Molto probabilmente la maggior parte di voi non ne vuole sapere niente di quel periodo ma con il romanzo Gallery, scritto da Emilia Capasso docente di lingua inglese presso le scuole superiori della provincia di Torino; potreste ricordare la vostra adolescenza con un bel sorriso.

 

La protagonista è Axel Rose, 15 anni, timida, riservata, ma allo stesso tempo profonda e sensibile, che si dovrà fare i conti con la malvagità di alcuni suoi coetanei. È una ragazza che molti degli adolescenti definirebbero un emo perché veste sempre di nero le piace leggere e studiare e non le importa di apparire differente da quella che è, ossia senza interessi per trucco e parucco come le sue coetanee. Come nei migliori drammi tra adolescenti troviamo la bella della scuola Matilde con cui andrà a condividere l’amore per un ragazzo, Simone. Per Axel sarà platonico e segreto.

La ragazza sarà sempre più introversa e malinconica anche a causa della sua situazione familiare e troverà conforto da una misteriosa amica virtuale, Gallery.

Purtroppo il suicidio di un ragazzo, Carletto, vittima preferita da due gemelli che bullizzano metà scuola, i gemelli Martone, porterà il sorgere di una serie di eventi che faranno sparire diversi ragazzi e, allo stesso tempo, faranno apparire una misteriosa signora in nero.

L’autrice affronta un tema molto importante che è quello del bullismo e delle conseguenze che, purtroppo, alcune volte hanno un risvolto tragico e lo fa senza dimenticarsi il suo fine ultimo mantenere alta la tensione del lettore in un thriller tutto da scoprire.

Ottima è anche la descrizione dei caratteri dei vari personaggi e dei sentimenti che questi provano, a me è sembrato di tornare indietro nel tempo quando ero un adolescente con tante insicurezze e incertezze.

 

Come nasce Gallery?

Gallery nasce nel gennaio del 2014, in un periodo un po’ cupo della mia vita. Stavo ascoltando ‘The Gallery’, un brano strumentale dei Muse, rock band britannica, quando mi apparve all’improvviso il volto di questa ragazzina, Axel Rose, la galleria e la sua amica virtuale. Con il passare dei giorni la storia, che doveva essere un breve racconto, ha preso forma e si è complicata, fino a divenire un romanzo.

 

Quale messaggio vuoi trasmettere a tutti coloro che si ritroveranno tra le mani Gallery?

Non voglio trasmettere nessun messaggio in particolare. Credo che il romanzo sia molto denso, ognuno potrà tirarne fuori le proprie osservazioni, come è già successo con diversi lettori. Non credo nei romanzi che lanciano messaggi, uno scrittore non è una divinità al di sopra delle parti, quanto un osservatore. Credo che ‘Gallery’ lasci molte domande in sospeso.

 

Leggi il mio libro perché..

‘Gallery” ti scava dentro, è un romanzo che analizza la fragilità umana, l’estrema facilità con cui passiamo dal bene al male e viceversa. Ho voluto abbattere alcune ipocrisie della nostra società e dimostrare quanto le persone siano guidate nei loro atti più dall’egoismo che dalla generosità o dall’amore. Leggendo il mio libro si può comprendere quanto siamo simili a coloro che magari giudichiamo male per arrivare infine ad accettare l’amara conclusione che spesso ‘gli altri’ siamo noi.

 

Progetti futuri?

Sto lavorando a più progetti: una fiaba con protagonisti i miei figli, un romanzo comico e un romanzo di formazione ambientato nella mia città natale, Napoli. Alcuni brani sono reperibili sul mio blog: www.emiliacapasso.blogspot.it. Ho anche iniziato una raccolta di poesie rap con vari temi. Insomma, sarà che mi piace scrivere?

 

Numero di stelle 5 su 5 – Gallery di Emilia Capasso – Editore: Scatole parlanti – 306 pagine – prezzo di copertina 15,00 euro.

 

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Commenti