sei in » Eventi

Gennaio “rovente” a Bagnaia: torna il Sacro Fuoco di Sant’Antonio

Il 16 gennaio si terrà il tradizionale falò nel borgo in provincia di Viterbo
Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

bagnaia

 

Dissolve frigus ligna super foco large reponens”( “sciogli il freddo riponendo benignamente la legna sul fuoco”) afferma il poeta latino Orazio in una delle sue più celebri odi, mentre a riparo dal clima rigido di gennaio, osserva il monte Soratte imbiancato di fronte a sé.

Forse a Bagnaia, piccolo borgo alle porte di Viterbo, in pochi sono a conoscenza di questi versi, ma di certo nessuno dimentica le antiche tradizioni. Tanto più se si tratti del mitico “Focarone” di Sant’Antonio.

Il famoso falò di Bagnaia (alto circa 9 metri) viene acceso ogni anno,il 16 gennaio, ma non è solo: nella piazza lo circondano musica,danza, cibo e vino a volontà perché in questo borgo, di caldo oltre il fuoco, c’è il cuore degli abitanti che si arrovella ogni anno, con amore e dedizione, per la miglior riuscita della festa di paese.

Il comitato per il Focarone – raccontano gli organizzatori – si compone di 60 persone originarie del luogo, di età compresa tra 18 e 30 anni.

legnaIl contributo principale viene dato da tutti coloro che si adoperano per reperire la legna da ardere. La raccolta inizia dal mese di febbraio fino a dicembre.

Nonostante la durata media del comitato oscilli intorno ai sette anni e vada per generazioni, gli organizzatori rassicurano:”siamo sempre aperti all’entrata di nuovi giovani volenterosi che vogliano adoperarsi per il loro paese.”

Tuttavia per i ruoli di presidente e vicepresidente l’impresa si fa ben più ardua: solo chi nel pomeriggio del 17 gennaio, a festa conclusa, riesca a staccare la bandiera posta sulla Chiesa di S. Antonio, può aggiudicarsi il posto per l’anno a venire.

Non meno nobili le origini della celebrazione: diffusa già a partire dal 1818, la festività dedicata a Sant’Antonio era una delle ricorrenze più sentite nelle comunità contadine. Il Santo spesso era rappresentato con lingue di fuoco ai piedi e aveva in mano un bastone. Appeso all’estremità di quest’ultimo c’era un campanellino e sull’abito il Tau, la croce egiziana a forma di T, simbolo della vita e della vittoria contro le epidemie.

fuo

Anche gli amanti della musica posson star tranquilli: quest’anno a riscaldare Bagnaia ci sarà Simone Gamberi, giovane cantautore della Tuscia e The reggae Circus di Adriano Bono.

Sfidiamo il tempo e i giorni della settimana, perché per noi è sempre festa” ci confessano scherzando gli organizzatori ma ora spetta a chi parteciperà, aiutarli a sciogliere il freddo di gennaio. E la scommessa è tornare a casa caldi.. e felici!

 

Valentina Pigliautile




editrice-italia-semplice
2018-06-15T15:27:13+00:00
editrice-italia-semplice-e1529071215420
2018-06-18T14:53:21+00:00

Commenti