Home » Arte & Cultura » La Bao annuncia il titolo del nuovo libro di Zerocalcare

La Bao annuncia il titolo del nuovo libro di Zerocalcare

Uno dei fumettisti più apprezzati degli ultimi anni
Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Poche cose, nel panorama dell’odierna editoria italiana, riescono a creare più attesa del nuovo lavoro di uno dei fumettisti più apprezzati degli ultimi anni: Zerocalcare. Sin dall’uscita del suo primo libro, La profezia dell’armadillo, che ad oggi conta svariate ristampe, gli appassionati hanno iniziato ad aspettare con hype sempre maggiore ogni nuovo lavoro dell’autore di Rebibbia. È quindi normale che ogni nuovo indizio, ogni briciola lanciata ai lettori da

La versione a fumetti di Zerocalcare. Protagonista di tutti i fumetti dell'autore

La versione a fumetti di Zerocalcare. Protagonista di tutti i fumetti dell’autore

Zerocalcare stesso e dalla Bao Publishing, la casa editrice che cura i diritti di stampa delle sue opere, venga accolta con sempre maggiore frenesia. Oggi si è aggiunto un tassello in più a quelli (ben pochi, in realtà) che finora erano stati messi insieme su questo nuovo romanzo a fumetti. La Bao ha infatti annunciato che l’ottavo libro di Michele Rech (identità non tanto segreta che si cela dietro allo pseudonimo da pubblicità di detersivo) si intitolerà Macerie Prime. Un nome criptico che non svela nulla sul contenuto di questo nuovo fumetto, di cui sappiamo solo che sarà una storia lunga (continuando la modalità già esplorata con Dodici, Dimentica il mio nome e Kobane Calling) e che il Nostro ci sta lavorando a livelli forsennati. E così, mentre è stata annunciata una nuova ristampa proprio di Kobane Calling, un lungo reportage sulla guerra che si sta combattendo sul confine turco siriano e che Zerocalcare ha vissuto (in parte) in prima persona, non possiamo fare altro che attendere questo nuovo romanzo a fumetti sperando, anche se chi ama l’autore ne è già convinto, che questa nuova opera letteraria possa essere all’altezza delle precedenti. Per ingannare l’attesa il consiglio è di rileggere i libri precedenti per non arrivare impreparati. E, se ancora non l’avete fatto, ecco… Questo è il momento giusto per rimediare.

Andrea Ardone

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Commenti