Scomparso a Roma Stefano Di Maggio, libraio figura storica del mercato romano

Con "Nuccio", la libreria "Grotta del libro" a Campo dei Fiori era diventata un vero polo culturale
Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail
 E’ scomparso improvvisamente,  a Roma, Stefano “Nuccio” Di Maggio, libraio figura storica del mercato romano, da decenni operante nel settore dell’ editoria antiquaria e, piu’ ampiamente, dei libri sulla storia artistica e politico-sociale di Roma, Lazio e Italia nel suo complesso.
Professionista affermato, che aveva rapporti con le principali case editrici e  conosceva a fondo i problemi dell’editoria e del commercio librario, Nuccio, “romano de Roma” ( ma nipote del mitico Joe Di Maggio, e quindi “nipote acquisito” di Marilyn Monroe), fontana_libri_via_straderari-2 fontana_libri_via_straderari-2 autodidatta di vasta cultura e uomo di profonda umanità,  da giovane  aveva ricoperto un importante incarico nell’ Aeroporto di Fiumicino ( rientrando addirittura  tra i pochi funzionari in possesso del nullaosta NATO). Andato in pensione abbastanza presto, a fine anni ’70 (…e sulle tue esperienze a Fiumicino, carissimo,  me ne avevi raccontate tante,  a  proposito anche dello scandalo che sin dall’ inizio, negli anni ’50, aveva segnato la nascita dell’ aereoporto, coi terreni di pessima qualità, alcuni addirittura ex-malarici, acquistati dallo Stato a caro prezzo!),  da allora s’era dedicato interamente alla sua grande passione, i libri.
    Presente per anni alla “Fiera del libro” delle celebri bancarelle di Via delle Terme di Diocleziano,  accanto a Piazza della Repubblica, e la domenica a Porta Portese, DiMaggio aveva poi rilevato una celebre libreria antiquaria del centro di Roma, la “Grotta del libro” di Via del Pellegrino ( vicino Campo dei Fiori).  Facendone, nei primi anni Duemila, quasi un polo culturale, punto d’ incontro di studiosi, giornalisti, critici d’arte, bibliofili appassionati. E lo stesso aveva fatto passando, negli ultimi anni, a un’ altra libreria nella vicina Via dei Cappellari. In anni in cui, da un lato,  la crisi dell’ editoria (con l’obbiettiva concorrenza di Internet e degli altri circuiti informativi e comunicativi), e, dall’altro,  il diminuito potere d’acquisto di gran parte del pubblico, insieme al decadimento culturale di larghe fasce di popolazione,  avevan reso sempre piu’ difficile e  meno remunerativo il mestiere del libraio  ( a Roma, negli ultimissimi anni, hanno chiuso ben 60 librerie, di cui molte d’ indubbio valore storico!), Nuccio aveva combattuto fortemente non solo per stare a galla, ma anche per mantenere viva nel pubblico,  specie piu’ giovane, la passione per la cultura, l’arte, la storia della propria città.  E con l’ occasione, non possiamo non esortare qui il ministero per i Beni e le Attività culturali, e gli enti locali, a  potenziare quella che è un’ ancora insufficiente politica non solo d’ incentivazione della lettura e  sostegno all’editoria, ma anche di appoggio alle librerie, specie se di valore storico e  di comprovata capacità di promozione culturale: guardando anzitutto agli esempi di Francia, Germania, Regno Unito, Paesi scandinavi.
    Ciao, caro Nuccio: con te perdo un amico carissimo, col quale ho avuto per vent’anni un rapporto di fraterna collaborazione e reciproco aiuto, e con cui mi divertivo a passare momenti liberi parlando a fondo di tutto, tra un caffè e una birra, a pochi passi da Campo dei fiori e da Piazza della Cancelleria,  immersi nella Roma di Caravaggio e Giordano Bruno,  Beatrice Cenci e Pellegrino Rossi. Sicuramente in Paradiso troverai una bellissima biblioteca, e il tuo apporto – specie per le nuove acquisizioni – sarà davvero prezioso: fatti ascoltare dall’ angelo bibliotecario. E se li incontrerai,  salutami davvero la mia cara mamma (con cui a  volte ti divertivi a parlare, ridendo del suo “Humour” toscano), e poi, chiaramente, Johann Gutenberg e Aldo Manuzio!
      Fabrizio Federici



editrice-italia-semplice
2018-06-15T15:27:13+00:00
editrice-italia-semplice-e1529071215420
2018-06-18T14:53:21+00:00

Commenti