Home » VIAGGI & VACANZE » Ultima moda dei romani: il cammino spirituale dietro casa

Ultima moda dei romani: il cammino spirituale dietro casa

Alla scoperta del tratto dello storico sentiero che dall’area nord della capitale raggiunge la Sabina tra natura, storia e momenti di serenità
Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

È un’occasione per scoprire le ricchezze del nostro territorio, per immergersi in suggestive vedute paesaggistiche ed ammirare meraviglie storiche e architettoniche. È un viaggio nel passato, in grado, per molti, di offrire a chi lo affronta l’opportunità di avvicinarsi ed immergersi nella dimensione spirituale che questi luoghi custodiscono con cura. E poi c’è il benessere, del corpo e della mente. Lontano dal caos della metropoli, immerso nella natura, da piazza Sempione, nella capitale, scopriamo il tratto della via Francigena – lo storico percorso attraverso il quale i pellegrini partendo da Canterbury, in Inghilterra raggiungevano Roma – che, in circa cinquanta chilometri di cammino arriva a Ponticelli di Scandriglia, nella provincia di Rieti.

 

La partenza è da Monte Sacro – il Mons Sacer dove nel V secolo a.C. Menenio Agrippa ha pronunziato il famoso “apologo del corpo umano” – un’area ricca di monumenti e reperti storici. Da qui, procedendo verso via Tor San Giovanni, inizia il tragitto che conduce alla scoperta dell’affascinante sentiero medievale. La leggendaria ‘strada bianca’ guida visitatori e viandanti trasportandoli nella natura rigogliosa che svela improvvise testimonianze di epoche remote, vallate, casali, viottoli, città e borghi da visitare. In un clima di profonda serenità, dalla Vecchia Nomentana si attraversa la Sabina: qui il tempo sembra essersi fermato.

 

 

antonella de luca2

La percorrerei per liberarmi dal superfluo e rigenerare corpo e mente

Forma fisica impeccabile e sorriso coinvolgente. Antonella De Luca, solare trentasettenne di Tivoli, di professione impiegata, da buona sportiva – ogni settimana pratica sei ore di attività fisica – ci spiega che sono diverse le motivazioni per cui affronterebbe il percorso. “Non conosco la via Francigena, ma essendo una persona dinamica la percorrerei molto volentieri e l’esperienza la condividerei con amici che abbiano voglia di uscire un po’ dall’ordinario e che abbiano voglia di immergersi nella natura senza tanti problemi – dice – Mi piacerebbe trascorrere una vacanza che, unita all’irrinunciabile lettino in spiaggia, offra la possibilità di fare escursioni e camminate di questo genere”. Un modo per prendersi cura del proprio corpo, quindi, e non solo. “Liberarsi del superfluo – prosegue – dai tacchi adorati, al make up, ecco passeggiare nella natura e sentirsi parte di essa godendo la vista di panorami mozzafiato, ma anche di un semplice fiore, assaporare profumi nuovi, potrebbe essere fonte di una grande rigenerazione fisica ma anche e soprattutto mentale”.

 

 

 

Mauro Rossignoli

Un percorso da scoprire in bici per conoscere nuovi luoghi, evadere dal caos e stare a contatto con la natura

Sportivo e amante della natura – è molto attento al rispetto dell’ambiente – Mauro Rossignoli, che risiede nel Comune di Fiumicino, ci spiega che, probabilmente, affronterà il tratto in bici: “Potrebbe essere per me un nuovo percorso da scoprire in Mtb (Mountain bike) in compagnia di amici” spiega. “I motivi per cui farei questo nuovo percorso sono più di uno, dal semplice spirito di nuove scoperte, all’evadere dalla caotica città metropolitana, al voler stare a contatto con la natura ed arricchirmi dei suoi paesaggi”.
Come percorrerebbe la via?
“Sicuramente in bici off-road, è uno sport con il quale ho avuto modo di avvicinarmi due anni fa e mi ha appassionato moltissimo da subito”.

Dedica molto tempo all’attività fisica?
“Come si suol dire mens sana in corpore sano! Adoro lo sport e appena ne ho la possibilità mi cimento nella corsa a piedi, Mtb, surf ed altro”.

Se pensa al benessere fisico crede che sarebbe un buon modo per interrompere la routine quotidiana che ci porta spesso a una vita sedentaria?
“Indubbiamente un buon modo per combattere la routine di una vita sedentaria e prendersi cura del benessere fisico. Lo sport non aiuta solo ad ottenere e mantenere un corpo ben allenato e in forma, ma aiuta maggiormente la mente, liberando lo stress che accumuliamo ogni giorno. A termine di ogni attività fisica, nonostante le fatiche che si ripercuotono sui miei muscoli e legamenti, mi ritrovo in uno stato di benessere mentale che va oltre ogni cosa”.

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Commenti